I rischi del web

Il Web è ormai uno strumento sempre più utilizzato da tutti per cercare, comperare, prenotare ma sono sempre più i minori che, sia da casa che da scuola, si connettono in rete quotidianamente per studiare, effettuare download di file, per scaricare musica e suonerie, per socializzare in modo semplice ed immediato tramite i cosiddetti Social Network, come Facebook e My Space, ed i Messanger come Skype ed MSN.

Aiutare gli adolescenti a navigare in tutta sicurezza è un compito abbastanza complicato, perché spesso conoscono molte più cose dei genitori in fatto di Internet.
Comunque i genitori devono avere un ruolo attivo nell'uso corretto di Internet da parte dei figli, affinché non cadano nella rete cioè in tutti quei tranelli ad opera di malintenzionati che puntano, quando va bene, al furto di dati personali, per estorcere denaro, quando, invece, va male, hanno mire sessuali.

Il genitore deve dunque assistere il bambino nella sua navigazione, soprattutto in un luogo come Messenger, dove vige l'anonimato e dove dietro un nickname può nascondersi chiunque.
La responsabilità di quanto accade è soprattutto del legislatore che dovrebbe pensare ad una normativa più severa, in caso di individuazione e arresto dei molestatori, prevedendo l'obbligo della tracciabilità di chi pubblica e di che cosa viene pubblicato su Internet.

Esistono programmi di filtraggio che possono essere utili in presenza di bambini, come integrazione alla supervisione dei genitori ma mai come loro sostituto.
La funzione Controllo genitori permette di filtrare il contenuto dannoso, monitorare i siti visitati dai ragazzi e rilevare quali attività online svolgono.

Internet è un luogo virtuale molto utile e ricco di opportunità per tutti, ma, ad una condizione: che si abbiano le idee chiare su ciò che si cerca e si abbia la conoscenza dello strumento che, molto più della vita reale, può' riservare brutte sorprese e pericoli.

Tutto ciò riguarda anche gli adulti, spessissimo dietro ad un nickname si 'nasconde' la solitudine, la cattiveria, un nuovo modo di sfogare le proprie rabbie o di conquistare quello che nella vita reale spesso e più complicato.

Molte volte non comprendiamo bene chi è davanti a noi e spesso una parola viene travisata creando in noi stessi pensieri e magari paranoie, i Messanger e Social Network amplificano questa possibilità.

Solo conoscendo bene chi è dall'altra parte si possono evitare brutte sorprese anche se a volte capitano in ogni caso, e molto più della vita reale, semplicemente per quanto detto sopra.
Massimo Inesi

 
PARROCCHIA MADONNA STELLA MARIS - via Sulki, 1/A - 08048 Arbatax (OG) Italy
tel: +39 0782 667651 - fax: +39 0782 667233 - mobile: +39 335 6305261 - info@parrocchiastellamaris.it